escriptors catalans vius escriptors catalans escriptors terrassencs

Dolç esguard que crema, Joan Tamayo

Leggere Joan Tamayo è sempre piacevole. Il suo primo libro “Dolç esguard que crema” ( Dolce sguardo che crema) è stato scritto dalla parte più profonda della memoria, e quindi del suo cuore.

Dolç esguard que crema” è un viaggio interiore verso l’infanzia dell’autore, per le strade ancora sterrate fatte di strade polverose, per camminare per mano della nonna, per le notti d’inverno vicino al calore del braciere di famiglia, ai tradizionali mediterraneo falò di Sant Joan e ai suoi fuochi d’artificio … A tutti quei sentimenti che, attraverso un verso libero e spontaneo, ci dice non solo i ricordi di Joan, ma anche i ricordi che potrebbero essere quelli di molti suoi pari.

Le poesie di Joan sono poesie piene di una bellezza intima, che brilla per la loro sensibilità ma anche per l’amore da cui sono scritte. Leggere Joan Tamayo significa provare nostalgia per un tempo passato, ora lontano, ma ci fa anche sentire l’amore per quei piccoli momenti che ci circondano, immortali nel tempo e che, impercettibili, nascosti nella grandezza del giorno dopo giorno, È difficile per noi smettere di valutare, ma quanto sono importanti per l’essere umano.

Dolç esguard que crema” di Joan Tamayo è un libro breve ma intenso. Un libro di poesie che calma l’anima e il cuore di serenità, come succede con i buoni amici dopo una buona conversazione, come con i libri che vogliamo sempre avere a portata di mano per leggere e rileggere in tempi imprevisti. Per tutti questi motivi, consiglio di leggere Joan Tamayo e la sua prima raccolta di poesie  “Dolç esguard que crema”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *