The Dark Academia Book Club

Dalla passione per i libri alla ricerca della conoscenza e della cultura come lifestyle

 

Il concetto Dark Academia si riferisce all’estetica che unisce diversi aspetti dell’individuo legati alla passione per la conoscenza e quasi all’ossessione per il sapere, di conseguenza, per l’apprendimento di alto livello culturale.
La continua ricerca della conoscenza si concretizza nel gusto per la lettura di libri riconosciuti nel corso della storia per essere long sellers, o per essere i grandi classici della letteratura. Di solito si materializza anche attraverso la lettura di narrative situate in spazi accademici, o con la lettura di quei libri le cui trame sono legate a biblioteche, università o college britannici, o anche con libri unici e segretti, musica e cultura più elitaria.
L’estetica a matrice della Dark Academia si divide in varie sottoestetiche, nate dopo essersi adattate a varie estetiche contemporanee come Goth, Boho Chic, o anche Cottage, ecc. Dopo la mescolanza, è facile per noi trovarci di fronte a estetiche come la Dark Gothic Academia, la Light Academia, la Classic Academia, la Writer Academia, la Chaotic Academia, la Grey Academia e un lungo ecc. Troveremo tante estetiche mescolate alla Dark Academia quante ne possiamo immaginare.
Di nascosto, la Dark Academia si è insinuata negli ultimi mesi come uno stile di vita tra i giovani, spesso più accademico, o, anche se, di livello culturale superiore. Di solito sono persone con un interesse per la cultura, che cercano sempre di saperne di più, ma perseguono anche quell’apprendimento attraverso la ricerca della conoscenza in libri di qualità, da autori riconosciuti per essere classici della letteratura, o perché si distinguono dagli altri per la sua qualità letteraria. Spesso possiamo osservare come “questi ricercatori di conoscenza” condividano biblioteche reali, libri e piú libri, oi loro momenti di lettura in spazi accademici o molto “cozy”, con una tazza di tè o caffè, attraverso i loro social network , di solito Instagram o Tumblr.
Lo stile di vita che avvolge the Dark Academia si unisce anche all’estetica fisica, legata all’immagine e alla moda. Chi vive al 100% della Dark Academy tende a vestire in modo classico, con toni bianchi e neutri, si riscalda con giacche di lana nei toni della terra, oppure con giacche di tweed britannico, pantaloni a quadri e maglioni di lana spessa, sempre seguendo quell’estetica visiva che ci ricorda quella così caratteristica dei più famigerati e britannici Oxford o Cambridge College.
È vero che gli stereotipi della Dark Academy ci portano a una certa visione romantica della cultura, e in particolare della letteratura. Ci mettiamo così di fronte a persone che cercano quella conoscenza in modo solitario e bohémien, e che spesso si trovano di fronte a profonde riflessioni sulla vita e sulla morte, come una sorta di neoesistenzialismo latente. In effetti, una versione della Dark Academia lega l’estetica con un lato più solitario e più vicino alla depressione, come lo erano gli Asian Emos degli anni ’90, ma questa volta più legati all’idea romantica che forse Lord Byron già rifletteva nel suo momento nella sua letteratura.
The Dark Academy presenta anche una serie di autori eccezionali, che sono i più letti tra i fedeli seguaci di questa estetica, troviamo così autori come Emily Dickinson, Jane Austen, le sorelle Brönte, Virginia Woolf, ma anche Virgilio, Aristoteles, Sophocles , Saffo, Platon o Dante Alighieri, la Beat Generation, Camus, Dostoyevski, Tolstoj, Nietzsche, Pushkin, e anche Maya Angelou, F.Scott Fitzgerald, HP Lovecraft, E.A. Poe, Nabokov, Rimbaud, Lord Byron, Oscar Wilde, Dickens o anche autori come Donna Tartt, V.E. Schwab o anche Bram Stoker.
La verità è che io stessa mi sono scoperta come member della Dark Academy senza sapere cosa fossi, non a causa dell’estetica fisica, sì, potrei indossare quei comodi maglioni di lana in inverno, ma soprattutto ho identificato in quella continua ricerca di conoscenza e in quella passione bibliofila, che come scrittrice porto implicita in me e non posso neppure evitare. Così, di fronte a questo elenco presentato dalla Dark Academy di opere e autori classici, autori di horror e fantastici, autori romantici, poeti classici, poeti romantici, scrittori e scrittrice di ogni qualità, posso solo arrendermi alle loro letterature e unirmi in modo più evidente a quell’estetica della Dark Academia.
Ecco perché io come scrittrice (@redondocristina su Instagram), insieme alla mia amica lettrice Silvia Mallol (@passiopelsllibres su Instagram), mi è venuto in mente di promuovere The Dark Academia Book Club (@thedarkacademiabookclub su Instagram), in cui entrambi iò e la mia amica Silvia Mallol ci coordineremo le letture dei libri classificati come Dark Academia. In questo modo, un folto gruppo di amici lettori si è già unito a noi su Telegram è con coloro che condividono la prima lettura che sarà il classico horror “Dracula” di Bram Stoker.
The Dark Academia Book Club inizierà la lettura di Dracula di Bram Stoker il 1 febbraio, alla fine di questa lettura, continueremo con altre opere letterarie collegati all’estetica della Dark Academy di autori come Madellein Miller, Daphne du Marier, Margaret Atwood, Jane Austen, EM Forster, Virginia Wolf o Hanya Yanagihara e VE Schwab, tra gli altri.
Al The Dark Academia Book Club cerchiamo di onorare al massimo il concetto di Dark Academia, quindi non solo condivideremo commenti sulla lettura che possono essere forniti nel Book Club intorno alle opere selezionate, ma intendiamo anche condividere informazioni di interesse culturale intorno ai libri che leggiamo, ecco perché intendiamo creare un legame con altri lettori che hanno lo stesso interesse, non più per la letteratura, ma anche per la ricerca della conoscenza e della cultura a un livello molto più profondo.
Se vuoi entrare a far parte con noi di The Dark Academia Book Club e condividere con noi quella passione per la letteratura e la conoscenza, non ti resta che seguirci su Instagram e dirci il tuo interesse ad unirti a noi su @thedarkacademiabookclub, sarai benvenuto e ti diremo come appartengono a The Dark Academia Book Club.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *