Anna Fernández

“L’arte è un tipo di cura, qualcosa di cui tutti abbiamo bisogno”

Anna Fernández

Anna Fernández (Sabadell, 1986) ha una laurea in storia dell’arte e un master in istruzione secondaria e di diploma di maturità. Ha lavorato per molti anni come libraio e attualmente insegna. Cova ( Editorial Fonoll) è stata la prima raccolta di poesie che ha pubblicato e che è giunta alla sua seconda edizione l’estate scorsa.

Ogni volta che posso, consiglio di partecipare agli eventi di presentazione che Anna Fernández ha realizzato della sua collezione di poesie Cova in tutto il territorio catalano. Ho avuto la fortuna di poter assistere alla prima presentazione di Cova, nell’aprile 2019 presso in Terrassa, ed è stato un piacere artistico.

Quella presentazione di Cova è stata un atto pieno di bellezza e poesia che ha entusiasmato tutti noi presenti, e sono consapevole che Anna Fernández e il suo team di Covaires di solito ripetono questo formato di presentazione, migliorandolo persino in ogni atto, ed è che le presentazioni di Cova non lasciano nessuno indifferente proprio per questo motivo, a trattare la poesia con l’affetto e l’amore che hanno quelli a cui piace la letteratura.

I Covaires che compongono il resto del gruppo di presentazione di poesie della Cova sono Toritaka Tokumei, scrittore e professore della Escola Bloom, che ha scritto l’iniziale “Clivella” (Rift) con cui apre il libro di poesie come prologo, il L’illustratrice Judith con H, che ha integrato i testi di Cova con l’appello delle sue illustrazioni, e Nunu Garcia, musicologa e cantante che ha meditato alcune poesie di Covaires, le ha eseguite anche durante le presentazioni della poesia. Tra loro quattro, formano un team  che, con la loro arte e conoscenza, suscita nei lettori attuali il desiderio di voler entrare in Cova e dipingere bisonti come il resto di Covaires.

Il libro di poesie   pubblicato da Editorial Fonoll è composto da 30 poesie scritte da Anna Fernández, una giovane autrice, che ci racconta umilmente del suo libro di poesie, poco prima di un’altra presentazione di Covaire.

CR: “Solo il cambiamento rivela la condizione” (dal poema Grow). “Scavando” la Cova ti ha fatto evolvere come poeta?
AF: Sì, certo. Vivere è evolversi senza rimedio, è un cambio di prospettiva contato. La vita si muove e la scrittura mi ha reso consapevole di questo cambiamento. Un cambiamento che mi libera.

CR: Cova è divisa in due parti, una di Concave e l’altra di Convexa, perché questa divisione? Qual è il significato di una poesia appartenente alla parte concava o convessa di Cova?
AF: Ho separato la raccolta di poesie in due quando la stavo già scrivendo, quando ero nella Caverna (Cova). Con questo intendo che non era premeditato, ma quando lo creai, mi resi conto che c’erano due parti e che, sicuramente, esprimevano due momenti del processo creativo. Un processo creativo strettamente legato al percorso del mio lutto e della mia cura. Ogni processo emotivo richiede tappe e sguardi. Guardiamo il lutto, il dolore o la gioia da diversi punti di vista, concavi o convessi, in questo caso.

CR: La poesia si chiama Cova (Grotta), una parola che inizia con “C“, con un prologo iniziale chiamato Crepa (Clivella), una parola che inizia anche con “C” in catalano, la lingua originale della poesia, e le 30 poesie che Grotta è anche composta da titoli con parole che iniziano con “C“, divisa in due parti: il concavo e il convesso. Cosa c’è di speciale nella “C” all’interno della Grotta? Perché questa ripetizione della “C“?
AF: Neanche io l’avevo pianificato, e in effetti questo “gioco linguistico e fonetico” è accaduto che, a priori, non rientrava nei miei piani, proprio perché credevo che elaborare questo tipo di filigrana non mi rappresentasse troppo. Ma poi sono entrato completamente e ho avuto tutto il senso del mondo. La lettera C ha la forma di una grotta, è concava e convessa, come praticamente tutto, a seconda di come li guardi, e il suo suono, a volte cacofonico, è delicato come una crepa.

CR: Per quanto riguarda la Crepa (Clivella, in catalano), il prologo scritto da Toritaka Tokumei, recinta la Crepa (Clivella) a Cova (Grotta) con una riflessione “Oggi dipingiamo tutti bisonti“. Questa grotta è il posto dove tutti noi potremmo dipingere bisonti? Perché? Cosa significa poter dipingere bisonti dentro Cova ( Grotta) , Anna?
AF: Il bisonte rappresenta l’antidoto da temere, il modo in cui l’uomo deve affrontare il mondo quando lascia la Grotta. Da qui inizia a dipingere, alle caverne, cattura il mondo da un’altra prospettiva ed è proprio perché dipinge il bisonte che questo sguardo cambia. L’arte è, quindi, un modo di guarire, qualcosa di cui tutti abbiamo bisogno.

 

Fotografia de Anna Fernández y Cristina RedondoCR: In una parte della raccolta di poesie, viene menzionata Clàudia Masin con il suo detto “Perché ci diamo l’un l’altro, / persino terrore o tristezza / viene dallo stesso desiderio: guarire ed essere guariti“. Quanta cura c’è dentro questa Grotta? Come ti sei sentito creando Cova ( Grotta) ?
AF: Ci ritorniamo. L’arte come strumento di riparazione. E in questo mi piace molto questo verso di Masin perché recupera un’idea con la quale concordo molto: anche quando facciamo male, quando siamo tristi e ingiusti o non onesti, partiamo dallo stesso bisogno e mancanza: ricevere e dare amore. Una grotta può essere un luogo freddo, buio e ostile o un rifugio accogliente, dipenderà sempre da ciò di cui abbiamo bisogno, dal nostro prisma e da ciò che è fuori. Ma una cosa è chiara: batte sempre con e per amore.

CR: “Ora viviamo tutti in un vicolo cieco gigante” (Creature) Cosa sono queste creature di Grotte ( Covaires) che abitiamo all’interno di Cova ( Grotta), Anna?
AF: Ci sono molte creature di Grotte. Quelli che popolano questo gigantesco vicolo cieco sono gli stessi che prosperano in un giardino botanico o vagano attraverso percorsi aridi. Abbiamo bisogno di tutto ciò che ci accade.

CR: Dopo aver scritto Cova ( Grotta), qual è la parte più soddisfacente della scrittura di poesie per te, Anna?
AF: Suppongo di poterlo condividere con coloro che amo, con coloro che si divertono o ne hanno bisogno. Dopo aver incontrato Judith, l’illustratrice, Nunu e Toritaka … Avendo cercato di creare bellezza del dolore, questo mi sembra essenziale per scrivere. E vivere.

CR: Spiegaci come ti senti quando leggi ad alta voce al resto delle Covaires che ti abbiamo sentito recitare la tua poesia? Cosa ti passa per la testa e il cuore in quei momenti?
AF: Beh, dipende. Dipende sempre dal giorno, dal luogo e dal momento, ma è vero che sono sempre un po ‘nervoso. Mi considero una persona socievole e non troppo timida, ma quando si tratta di lavoro o arte, ho un grande senso di ridicolo. Mi sento bene, ma anche irrequieto.

CR: E la prima volta che hai condiviso pubblicamente i tuoi versi di Cova ad alta voce, come è stato speciale per te?
AF: È stato molto speciale. Anche il fatto che fosse all’interno dell’Elixir, un festival che ammiro così tanto. Il posto, lo spazio, le persone … È stato magico, ho una sensazione forte e trovo sempre difficile mettere le parole. E già mi piace che ci siano cose indescrivibili.

CR: All’interno di Cova, c’è una poesia che preferisci di più rispetto alle altre? Se è così, qual è il tuo preferito? Quello che ti piace di più? E il minimo?
AF: È molto difficile per me rispondere a questa domanda. C’è una parte di me che vorrebbe scrivere meglio o che pensa persino di non sapere troppo. Ma quando sono onesto e sincero con me stesso, riconosco che rispetto e apprezzo tutte le mie poesie, perché rappresentano un momento e una Anna specifica, quella di alcuni momenti. Non posso negare nulla. Anche se adesso facessi diversamente le cose, o avessi un modo diverso di scrivere, non potrei rifiutare le poesie passate. La stessa cosa mi succede con i tatuaggi.

 

Anna Fernández y Cristina Redondo xerrant sobre Cova, Editorial Fonoll, primer poemari de l'Anna Fernández

CR: “Credere non era una questione di tempo. Solo pura climatologia ”(Congetture) Una domanda che sicuramente ti è stata posta molte volte, soprattutto se hanno letto il libro di poesie e hanno potuto godere della presentazione: per quando il prossimo libro di poesie?
AF: “La creazione non era una questione di tempo, solo un tempo puro“. Ed è così: non posso sapere quanto tempo ho bisogno, nonostante sappia che devo avere perseveranza e disciplina, ma so che ho bisogno di un ambiente, un clima, una motivazione. Ricerca di ispirazione, te lo dicono.

Grazie mille Anna Fernández, per aver creato questa Cova ( Grotta)  pubblicata da Editorial Fonoll, e per questa intervista che ci ha così gentilmente risposto. Tutti i Covaires ( Grotte) desiderano leggere presto la tua prossima pubblicazione poetica, sarà molto gradito quando arriverà.

 

* Intervista di  Cristina Redondo pubblicata in Ultimes noticies Racó Literari di Diari de Sant Quirze il 29/01/2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.