Due amori crudeli, Junichirō Tanizaki

Edicions Viena ha sorpreso tutti con la pubblicazione di “Petits Plaers”  (Piccoli Piaceri), una nuova collezione di romanzi brevi (Nouvelles), di autori classici del secoli XIX e XX, edizione con una completamente guarita e trasportabile ovunque, questo sicuramente sarà un amore a prima vista per i lettori più biblici ed esigenti.
Tra questi autori classici, troviamo l’autore giapponese Junichirō Tanizaki (1886-1965) uno degli autori asiatici che combina la più antica tradizione giapponese e influenze occidentali con più forza. Tanizaki scrive con una bellezza assoluta dei rapporti umani ed è un autore di lettura che diventa quasi un must se vogliamo scoprire i classici della letteratura giapponese, soprattutto se si considera, inoltre, che è stato vietato agli inizi del XX secolo, per affrontare questioni come fetixisme, sadomasochismo, parodia, o relazioni crudeli e distruttive, come descritto nel “Due amori crudeli“.
Il breve romanzo “Due amori crudeli” è stato incluso nella collezione “Petits Plaers” di Vienna Edicions e ci racconta la relazione tra due personaggi principali: Shunkin, una ragazza fighetta di Kyoto, e Sasuke, il suo servo, attraverso una storia d’amore tra i due.
Junichirō Tanizaki usa una voce narrativa esterna all’azione per raccontarci la storia dell’amore: “I dettagli che seguono, che naturalmente non compaiono nella Biografia …” (p.72), e, A volte gioca con ciò che ha letto, mettendo in dubbio che ciò che racconta è diventato vero o no, causando un leggero senso di mistero nel lettore.
Tuttavia, il rapporto è narrato un male amore dove Sasuke come un servo fedele è costantemente umiliato dal Shunkin, mentre Sasuke rimane completamente fedele alla moglie servire Shunkin, a cominciare con il passare del tempo un rapporto d’amore tra i due che raggiunge il momento di massima felicità quando il Sasuke è cieco, proprio come Shunkin è stato viva: “Seduti di fronte all’altro in silenzio, Sasuke notò che dentro di sé stava iniziando a sviluppare il sesto senso che solo le persone cieche avevano, e poteva indovinare che nel cuore della Shunkin c’era solo un sentimento di gratitudine. […] Ma ora in Sasuke notò che il cuore della Shunkin e del suo uno erano uniti per la prima volta e si muovevano nella stessa direzione “(p.120).
“Due amori crudeli” è stato scritto da Tanizaki nel 1934, una storia in cui sentiamo l’atmosfera della tradizione giapponese che è totalmente presente, ma possiamo anche sentire la ricerca della libertà delle donne, che è la più caratteristica del mondo occidentale: ” L’anno scorso ti ho detto che non ho intenzione di sposarmi “(p. 64). Tanizaki descrive Shunkin come una dona di grande bellezza, egoista, irascibile, ambiziosa e allo stesso tempo radiosa che gestisce i poveri e gli umili di Sasuke, con le sue umiliazioni e gli abusi psicologici.
In un ultimo momento della storia, la Shunkin subisce un incidente causato da un carattere secondario puntuale, che il lettore non sa chi sia, ma chi l’autore presenta come un possibile nemico della Shunkin per il suo successo sociale, come insegnante di musica e una donna con una bellezza straordinaria: “Lei stessa aveva seminato i semi della propria distruzione” (Pàg.110) e fa scattare la Shunkin un peggioramento nel loro complesso di inferiorità e una bellezza aumento vanità che la protagonista femminile si presenta per tutta la trama, al punto da indurlo a soffrire anche di cecità permanente. Tanizaki scoprì così ai lettore una Shunkin molto più perversa ed egoista di quanto inizialmente presentata, e una povera ragione Sasuke per cui il lettore provava compassione. Ecco un magnifico Tanizaki, dove con una storia giapponese molto semplice, ma allo stesso tempo, molto profonda, riflette il lettore, non solo la crudeltà, ma anche il potere e la bellezza della forza dell’amore.
Con la pubblicazione in catalano “Due amori crudeli” di Junichiro Tanizaki da Vienna Edicions, tradotto nel catalano di forma squisita da Albert Nolla, ci ha deliziato con una storia classica, in questo caso la letteratura giapponese. Una trama totalmente rappresentativa della narrativa di Tanizaki, che attraverso una qualità letteraria trasmette una storia d’amore dal sapore agrodolce, ma che con l’attraente formato di presentazione scelto da Edicions Viena continua a rispettare la qualità che ci siamo abituato all’editoriale, e questo ci permette di continuare a godere del piacere del lettore con la collezione che onora il suo nome “Petits Plaers”, non solo per la selezione di classici di qualità e nouvelles selezionati ma anche per Il suo formato di presentazione piccolo e attraente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.