Noemí Trujillo. Poeta.

Incontro la scrittrice Noemí Trujillo per parlare del suo nuovo libro “Un mundo” pubblicato da Rubric e che sarà commercializzato a marzo. È una raccolta di trentacinque poesie scritte e pubblicate negli ultimi dodici anni. Questa raccolta di poesie è un viaggio diacronico attraverso il suo lavoro, pubblicato tra il 2008 e il 2020, e diventa anche una dimostrazione palpabile e critica dei suoi eventi più rilevanti.
Noemí Trujillo, nata a Barcellona (1976), è un poeta, scrittore, editore e direttore culturale. Studia Scienze umanistiche all’Università Carlos III e durante la nostra conversazione non parliamo solo di poesia, ma ci danno anche alcuni riferimenti letterari che hanno influenzato la sua letteratura.
La selezione delle poesie pubblicate in “Un mundo” è stata fatta dalla stessa Noemí Trujillo, stabilendo così un viaggio molto personale tra i suoi primi versi e le sue ultime creazioni poetiche. Noemí consente al lettore di verificare, in questo viaggio che costituisce “One World”, quella maturità letteraria che l’autore ha consolidato come scrittore.

Scopro, dopo aver letto in assoluto lo scoop “Un mundo”, un poeta con una vasta esperienza, che riflette su situazioni quotidiane, ma anche su qualcosa di universale come l’amore, ben mescolato con la solitudine o il dolore, e sempre da quello sguardo femminile del poeta.

CR: Noemi, siamo davanti alla tua raccolta di poesie degli ultimi dodici anni, cosa ti ha ispirato a scrivere in tutto questo tempo?
NT : Personalmente credo che tutti noi abbiamo un DNA poetico, come abbiamo un DNA storico; Sono sempre stata una persona molto sensibile e fin da piccola ho ribaltato questi sentimenti nella scrittura di poesie. Negli ultimi dodici anni ho scritto versi per capirmi, per cercare di capire meglio il mondo intorno a me; Ho cercato di riflettere un po ‘di bellezza; sentimenti di amicizia, amore per le mie figlie, obblighi familiari, tutto ciò che ho imparato, letto e interpretato si sono insinuati nelle mie poesie, ma sarei un ipocrita se non confessassi che la maggior parte della mia poesia è ispirata dall’amore che provo verso mio marito. Perché è così, questa è stata la fonte originale di quasi tutte le mie poesie, fino ad ora.

CR: Ci parli di amore, maternità, solitudine, crepacuore, tra gli altri, ma sono sempre temi universali: quali domande ti poni prima di iniziare a scrivere ogni versetto? A quali domande stai cercando di rispondere nei tuoi versi?
NT: Non mi faccio domande quando scrivo una poesia. Le poesie che ho scritto sono sempre nate da un impulso: quello che sento quando guardo un dipinto appeso al muro di casa mia, quando improvvisamente mi ritrovo con una vecchia fotografia, quando vedo un film con le mie figlie, quando rileggo un libro. Né provo a rispondere a nulla quando scrivo. Tuttavia, anche se non sto ponendo domande o in grado di offrire risposte, capisco il processo creativo di scrivere una poesia come un esercizio epistemologico dal quale provo sempre ad imparare qualcosa.

CR: Nella tua prima poesia fai riferimento alla tua carriera poetica con questi versetti: “La regina Maria Luisa a cavallo / venne a trovarmi e mi disse: /” Tutte le poesie che hai scritto / che hai scritto da un ruolo di moglie, madre o figlia “/ Avevo ragione, regina Maria Luisa” continuando a leggere la poesia, penso di scoprire il motivo del titolo di questo libro di poesie, ma preferisco non osare spiegarlo e che tu sei quello che mi spiega … Perché hai intitolato “A Mondo “questa raccolta di poesie?
NT : Il libro di poesie si intitola così per diversi motivi. Uno di questi è perché si riferisce al mio mondo poetico, al mio spazio più personale; un altro, più artistico, è un riferimento a un dipinto di Holy Angels intitolato “One World”. È un grande dipinto ad olio, esposto alla Reina Sofia, riflette un mondo sorprendente che ha perso le sue condizioni originali e che è popolato da personaggi femminili molto strani. Sono stati, a loro volta, alcuni versi di Juan Ramón Jiménez che hanno ispirato Ángeles Santos a dipingere il dipinto e che mi ha fatto pensare allo stretto rapporto della poesia con altre arti, come la pittura.

CR: Ad un certo punto della Poesia V ci dici “Nella poesia, niente è normale”. Cosa pensi sia diverso nella poesia che “niente è normale”?
NT: Per me, la poesia è uno spazio di assoluta libertà, un genere in grado di rompere ripetutamente con le sue convenzioni e reinventarsi; Octavio Paz lo definì come un’erotizzazione del linguaggio; Umberco Eco come escursione in montagna; Federico García Lorca come il mistero creato dall’unione di due parole. Per secoli il teatro è stato scritto in versi. Forse una delle definizioni di poesia che mi piace di più, e che mi aiuta a rispondere alla tua domanda, è quella di Shelley: “La poesia è un ricordo dei momenti migliori e più felici dell’ingegno migliore e più felice”.

CR: Sono stata particolarmente colpito da questa metafora della poesia IX: “Ho un’antilope intorno al collo, il suo nome come il mio è impreciso” Pensi che la poesia sia un’arma che tutti dovremmo usare per annientare quell’antilope intorno al mio collo?
NT: Quella poesia è tratta dal libro “Lejos de Valparaíso”, pubblicato nel 2009. Il mio modo di scrivere poesie, quindi, era molto diverso da oggi. Ricordo che quella frase mi venne in mente all’improvviso, senza pensare, proprio quando l’ho scritta non pensavo a nulla di concreto per quell’antilope. Ora scrivo più razionalmente, pensando a tutte le corrispondenze e le immagini del poema. Non so se la poesia sia un’arma carica di futuro, come scrisse Celaya, o a cosa serva; Lo uso per imparare dai miei errori e per svuotare la mente dalle emozioni: buone, cattive, ambigue, statiche, tossiche. La poesia mi aiuta a estrarre tutto, purificarlo, cambiarlo. In quella metamorfosi c’è anche spazio per l’annientamento, ma mi piace di più pensare alla trasformazione permanente.

CR: Nel poema X mi piacciono i versi: “Mi hai lasciato nel buio per molto tempo” Aspetti l’ispirazione per trovarti o vai a cercarlo con poesie e più poesie fino a trovare “quella luce”?
NT : Fu Picasso a scrivere: “L’ispirazione esiste, ma deve trovarti al lavoro”. Faccio le due cose che mi fai nella domanda. A volte l’ispirazione ti trova. Tuo marito arriva con un piccolo vaso come regalo per la festa della mamma e un giorno dopo, quando lo guardi sul tavolo della cucina, ricordi il gesto di amore e affetto del regalo e scrivi una poesia, senza pensarci o pianificarlo. Viene in risposta a un bellissimo gesto. Altre volte, non scrivi da un po ‘e hai uno strano panico: la paura che il tuo presunto talento scompaia. E ti forzi a scrivere. E scrivi qualcosa che pensi non sia sbagliato. O quando provi a finire qualcosa per presentare un premio, stai anche cercando una composizione, un’unità tematica, una luce, un filo conduttore che ti permetta di ordinare le poesie sciolte in un libro. La mia creazione poetica, nel corso degli anni, ha finito per essere un equilibrio tra queste due forze.

CR: Nel poema XXI scrivi qualcosa di così poetico e bello come “Quando dicevo che non avevo mai avuto intenzione di farlo sempre, quando scrivevo vertigini era calmo” La poesia è una lingua con un linguaggio confuso?
NT : Può essere, anche se non mi piace che sia. Piuttosto, questi versetti riflettono le contraddizioni dell’anima umana. Non intendono creare confusione, ma riflettere i nostri disaccordi. Un drammaturgo che mi piace molto è Bertolt Brecht e molti dei personaggi creati da Brecht (Galileo, Mother Courage) sono molto contraddittori. Negare le nostre incoerenze è assurdo, le abbiamo tutte. Mi piace affrontarli poeticamente.
CR: Nel poema XXIX leggiamo: “Non siamo più solo donne, siamo diventati guerriglieri” Consideri la letteratura scritta dalle donne come un’arma di “guerriglieri”? Se così non fosse, pensi che dovremmo dare quella “guerriglia” e sfumature vendicative alle letterature scritte dalle donne?
NT: Ho scritto quella poesia per una mostra che ha avuto luogo nel 2011 al festival Vilapoética, a Viladecans, e che era intitolata “Guerrilleras de la Vida”; Le mie poesie erano accompagnate da fotografie di Petra Jiménez. Quel festival e quella mostra furono quasi un atto di ribellione. Quello che intendeva, ai suoi tempi, era dare visibilità alla poesia contemporanea, trovare uno spazio che ancora non esiste. Penso che le donne del 21 ° secolo siano molto guerrigliere, femministe, vendicative, ribelli ed è positivo che sia così, che rileggiamo i classici, i filosofi, la tradizione con nuovi occhi; che segnaliamo ciò che non ci piace, che cerchiamo sfumature, che scriviamo, che modifichiamo, che vinciamo premi, che ora è Pandora (e non Prometeo) a rubare il fuoco agli dei.

CR: Nella poesia Poesia XXXIII leggiamo “Cuore veloce, sei tu o sono io?” Noemi, in che modo il tuo amore per te stesso influenza le tue poesie?
NT: Nel 2018 ho avuto un eccellente professore di teoria letteraria, David Conte Imbert, che mi ha insegnato quanto siano importanti i deictics nella poesia e il mio modo di scrivere poesie è cambiato completamente; Ho smesso di dirigere la mia poesia su un ipotetico “tu”, a quella seconda persona lontana, e ho iniziato a pensare al “me”. Ciò significava chiedermi cosa mi sta succedendo, perché soffro, maestro, con quali cose sogno, diventare soggetto e protagonista della poesia. Può sembrare più egocentrico, ma è diventato un modo di cercare e investigare me stesso e la costruzione della mia identità.

CR: Ho letto la tua bibliografia sulla quantità di libri scritti e pubblicati che hai. Sei sempre stato una persona sempre con una forte immaginazione?
NT: Da bambina mi piaceva dormire molto perché avevo sogni lunghissimi che non finivano mai … Non credo che l’immaginazione sia lo strumento più importante per scrivere, nel mio caso era più dovuto a un personaggio molto sensibile.

CR: In relazione alla domanda precedente, cosa ti ha maggiormente segnato del tuo primo libro pubblicato e cosa ti ha maggiormente segnato in questa raccolta di poesie “Un Mundo” come l’ultimo libro pubblicato? Come è stata l’evoluzione da un libro all’altro come scrittore?
NT: La mia prima raccolta di poesie è stata pubblicata nel 2008 e intitolata “La Magdalena”. L’ho scritto come un regalo di Reyes per mio marito. Quel libro simboleggiava la felicità dell’inizio, la cosa più bella dell’innamoramento, quando è pieno di progetti comuni. Durante questi dodici anni ho scritto e pubblicato dodici libri di poesie. “Lontano da Valparaíso” ha parlato del desiderio frustrato di essere madre, di dare alla luce un bambino non ancora nato. “La ragazza con gli occhi tristi” ha la depressione come tema centrale: a volte ci cattura ed è difficile uscire. L’ho fatto grazie alla poesia. “Brooklyn Bridge” è una delle poesie che amo di più, l’ho scritto durante il mio viaggio a New York nel 2011, in cui ho cercato di visitare alcuni luoghi che Lorca aveva visitato; il libro di poesie è un viaggio interno. “La piccola principessa sull’asteroide B612” parla della mia partenza da Barcellona, ​​quanto è strana la mia città per me, da quando è iniziata l’intera faccenda dei “procés”: non mi sentivo più a mio agio lì, ho chiuso la mia casa e sono arrivato vivere a Madrid. È stato un cambiamento importante, nella mia vita e nella mia poesia. Nuovi spazi, nuovi luoghi, nuovi temi: nostalgia, sentirsi lontano da casa, brama di mare, peso dei ricordi, felicità perduta, come alcuni luoghi che abbiamo amato cambiano, come si trasformano per espellerti. Da “Un gigante seduto nell’ombelico del mondo” c’è una maggiore presenza d’arte nelle mie poesie. Le mie lezioni d’arte hanno influenzato notevolmente la mia carriera e eccellenti insegnanti come Gloria Camarero o Francisco Daniel Hernández Mateo, che hanno instillato in me un grande amore e rispetto per le opere d’arte e che è rimasto, in qualche modo, riflesso nelle mie poesie da quando hanno dato lezione. “La mia vita con te” è stato un opuscolo molto personale, accompagnato da fotografie che mio marito ha scattato durante i nostri viaggi intorno al mondo; Le sue fotografie e le mie poesie sono accolte come un rizoma di ciò che è reale, della nostra vita in comune, di ciò che abbiamo vissuto: non era sempre perfetto, ma era autentico. “Saying I love you” è una raccolta molto speciale di poesie per me, scritta insieme a Iván Baeza, uno dei migliori poeti contemporanei e un grande scrittore; Nella presentazione di uno dei suoi romanzi ha detto: “Perché è così difficile per noi dire” Ti amo “alle persone che amiamo di più?” e da lì entrambi abbiamo deciso di raccogliere le nostre poesie d’amore, per dire che “Ti amo” pubblicamente alle persone che contano di più per noi, senza paura o vergogna di alcun tipo. Ivan è un grande poeta e un amico meraviglioso, entrambi che ha finito per diventare un tema letterario e, di tanto in tanto, il suo nome e quello del mio caro amico Isabel Dionis si intrufolano nelle mie poesie.
Un giorno, ho deciso di leggere tutte le mie poesie in una volta e ho avuto una sensazione orribile: non mi piacevano e, se potessi, ora non ne avrei pubblicato nessuno. Ma sono stati scritti e pubblicati, firmati con il mio nome. All’ultima cena del Premio Nadal mi sono seduto accanto al poeta catalano Vicenç Llorca, ho spiegato come mi sentivo: non mi piaceva quello che avevo scritto e non mi vedevo in grado di mettere insieme tutto il mio lavoro in un’antologia. Mi disse che era una sensazione normale, che la poesia è spesso figlia di un contesto, di un certo momento, e che era meno esigente, che invece di voler pubblicare tutto in un’antologia completa, fece una selezione delle poesie che Mi sono piaciuti di più, scritti negli ultimi dodici anni e ho cercato di pubblicarlo. L’ho ascoltato ed è così che è nato “Un mundo”, questa selezione di poesie che cercano di dialogare tra loro, nonostante il passare del tempo.

CR: Quali autori ritieni abbiano influenzato maggiormente la tua letteratura?
NT : Non sono originale Sono un poeta perché quando ho letto Federico García Lorca sono rimasto affascinato dalla sua voce: era una voce ancora viva in me, che risuonava. Lorca ha avuto un’influenza molto importante nella costruzione delle mie prime poesie: era lo specchio in cui guardarmi. Oggi i miei riferimenti sono i classici, il teatro, il cinema, ho ampliato il campo…. Sono un grande ammiratore della tragedia classica per la sua sublimità, come diceva il mio insegnante di teatro, Eduardo Pérez-Rasilla Bravo, nella tragedia classica quando appare un bagno è uccidere Agamennone. Sono particolarmente interessato alla complessità dei suoi personaggi femminili, alle tragedie di Euripide.

CR: In relazione alla domanda precedente, consiglieresti un autore che ti ha particolarmente segnato per i lettori di The Citizen? Spiegaci perché.
NT: Sono una grande fan di Nora di Ibsen in “Casa delle bambole”, soprattutto alla fine: quando diventa autocosciente.

CR: Per i cittadini drogati di lettura Come selezioni la tua lettura? Il contenuto, il tema o l’autore dell’opera ti piacciono di più?
NT: Per cinque anni la mia lettura è stata molto marcata dal corso di laurea in Lettere dell’Università Carlos III. Uno dei temi che mi è piaciuto di più è stato “Storia del teatro”; Avevo Eduardo Pérez-Rasilla Bravo come insegnante, come ho detto, e ci fece leggere molto: “Orestíada” di Eschilo; “Edipo Rex, Antigone ed Edipo al colono”, di Sofocle; “Medea”, “Hipolito”, “Electra”, di Euripides; Le commedie di Plauto e Menandro; “A Sogno di una notte di mezza estate” di Shakespeare; “La vita è un sogno” di Calderón; Woyzech di Büchner; Casa delle bambole di Ibsen; “Miss Julia” di Strindberg; “Zio Vania” di Cechov; Le opere di Brecht; Il teatro di Beckett … Le mie letture sono di solito selezionate dai miei insegnanti; Nel corso di laurea in Lettere, leggi molto, una quarantina di libri per semestre, di solito sono riferimenti molto importanti di ogni disciplina di studio e di solito mi ci vuole così tanto tempo per essere aggiornato con il mio programma accademico che ho tempo per un po ‘di più, ma mi diverto molto e sono felice di imparare da quelle letture dei miei voti.

CR: Noemi, hai appena pubblicato questa raccolta di poesie. Quali sono i tuoi prossimi progetti letterari? Puoi dirci qualcosa a riguardo?
NT: Nella poesia sono interessato alla maternità come tema letterario e sto lavorando a una raccolta di poesie il cui tema centrale è la maternità, di fronte al suo ideale; L’ho intitolato “Essere mamma fa un po ‘male”. Negli ultimi due anni, inoltre, ho lavorato per società di produzione cinematografica e televisiva e sto scrivendo diverse sceneggiature di serie, in collaborazione con altre persone, che spero vedranno presto la luce. Sto anche andando avanti con la scrittura della seconda puntata della serie dell’ispettore Manuela Mauri, scritta a quattro mani con mio marito, Lorenzo Silva. Quindi ho molti progetti in mano, oltre a far avanzare la mia carriera umanistica; Forse il mio piano più concreto è quello di riuscire a laurearmi in un anno e mezzo nella mia laurea e specializzarmi in lingua e letteratura spagnola.

CR: Oltre alla poesia, ai romanzi e ai racconti, Noemí scrive anche letteratura per bambini e giovani, quindi, essendo una scrittrice così creativa, speriamo che presto ci delizierà con altre pubblicazioni letterarie. È sempre un piacere leggerti di nuovo, Naomi, quindi grazie mille per l’intervista e soprattutto grazie per aver fiducia in me e The Citizen e averci permesso di leggere la tua nuova raccolta di poesie “Un Mundo” (pubblicata in Rubric), ti auguriamo renderlo un successo letterario.
NT: Grazie molto!

 

* Intervista di Cristina Redondo pubblicata in #InLiterature dal magazine di cultura, arte e tendenzas di The Citizen 04/03/2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.