novedades literarias els millors escriptors catalans penguim random house

Invecchiare

La vita è maturare e indurisce la pelle per proteggere la tenerezza del cuore. Se ti senti in caso contrario, è che la nostra mente circa la psicopatia e forse dovremmo rivedere la nostra corteccia orbitofrontale, alla ricerca di qualche cambiamento nella nostra amigdala disfunzionale. E mentre invecchiamo, la vita ci cambia. Tutto quello che abbiamo provato durante l’adolescenza in un certo modo, con più freddezza e la superficialità, forse durante la fase di maturità è più sanità mentale o, se il termine è preferito, la maggior parte con affetto. È, in un certo senso, come se fossimo consapevoli della situazione e volessimo riparare, improvvisamente, a quel grande errore che abbiamo commesso in passato.

V’è uno studio psicologico che mostra che quelle persone non religiose diventano religiosa nei suoi ultimi anni, sperando di “andare in paradiso” e ricongiungersi con la sua famiglia. Ci sono stati anche casi di persone che appartenevano a una religione e si sono avvicinati altre religioni hanno il concetto di “eternità” o implicita nella loro pratica “paradiso”. Ci siamo avvicinati quella particolare religione, perché crediamo, il desiderio, la morte del corpo non è la fine di tutto, la fine della nostra vita, e poi ha preso rifugio nella speranza quello che dovrebbe esistere qualcos’altro, un posto bello da seguire vivere con il nostro.

Tempi difficili anche farci cambiare: passare attraverso una sala operatoria per la prima volta per un’operazione difficile, morte vivente dopo una lunga malattia di una persona cara, un incidente con un finale tragico, esperienza di prima mano una catastrofe naturale, vivere una guerra in prima persona o cosa potremmo considerare la stessa: subire un attacco terroristico; ci sono tutte situazioni drammatiche che ci fanno maturare in una sola volta, ed evolvere a livello personale a una natura più sensibile e significato, battuta dalla realtà, ci sentiamo allo stesso tempo più empatia verso il nostro ambiente e, soprattutto, per le persone intorno a noi.

Ci sono anche studi psicologici dimostrano che quando un gruppo di persone presenti ingiustizie sociali, come un’aggressione da una persona ad un’altra, o di un incidente in mezzo alla strada, ad esempio un incidente stradale, la reazione dell’individuo è paralizzato, come privo di empatia, e normalmente la reazione è di solito più lenta rispetto a qualsiasi altra situazione. Infine reagire, ma reagisce molto più tardi di quanto dovremmo, la paura sociale ci paralizza, la sensazione di imbarazzo o paura di non agire secondo le norme del nostro gruppo di appartenenza, del nostro ambiente immediato, provoca la nostra reazione è più lento della reazione appropriata per il tempo in questione, tuttavia, sembra curioso di individui con problemi psicologici della psicopatia, è chi ha un tempo di reazione più veloce in tali situazioni. Curiosi come persone apparentemente sane elaborano le emozioni e la sensazione di paura.

Sicuramente, non v’è quel momento in cui ci rendiamo conto che la vita non è freddo come si dipinge nei film e in spot televisivi, e poi quando abbiamo evolvere come individui verso un cambiamento nella nostra personalità che ci rende più vulnerabile, ma allo stesso tempo, dopo tutto, più umano.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.