Olalla, Robert Louis Stevenson

In autunno ho sempre voglia di leggere un po ‘di mistero e orrore. Quest’anno ho apprezzato molte letture del genere. Tra tutte le storie lette voglio evidenziare, per la sua brevità, la petite nouvelle Olalla di Robert Louis Stevenson, pubblicata in catalano dalla Col·lecció Petits Plaers de Viena (Viena Editions) e in spagnolo da Edciones Invisibles, anche nella sua collezione Pequeños Placeres .

Per la mia lettura, ho scelto l’edizione catalana di Petits Plaers de Viena Edicions, per la bellezza della sua edizione: con le copertine decorate in rosso e nero in base al genere, e con una disposizione interna in modo che la lettura sia piacevole per visualizzare. Inoltre, la buona traduzione fatta da Xavier Zambrano in catalano lo rende un piccolo must letterario.

Olalla è una piccola nouvelle, in cui un soldato scozzese, seguendo le raccomandazioni del suo medico, rimane in una casa nel nord della Spagna per riprendersi dalle sue ferite, l’unica condizione per poter stare in quella casa lontano da tutto, è che non ha quasi alcun rapporto con la strana famiglia che abita la casa. Tre persone formano la famiglia della casa: Felipe il figlio, Olalla la figlia e la madre malata di entrambi. Man mano che la storia accade, viene scoperta una famiglia silenziosa e strana, in cui prevale il allontanamento della società che li circonda, e anche stare lontano dall’ospite che vive temporaneamente in mezzo a loro. È così che il soldato si avvicina, prima al figlio Felipe, e quasi per caso alla madre e alla figlia, Olalla, e quando si innamora della figlia, gli chiede finalmente di lasciare la sua famiglia per unirsi a lui, lontano da quella casa . Olalla lo rifiuta e preferisce occuparsi del dovere imposto dalla sua famiglia, prendersi cura della sua famiglia e rimanere con loro, mentre avverte il suo amico soldato che è meglio fuggire da quel posto, per salvare non solo la propria vita, ma anche loro. Si incrociano qui, scene con vampirismo e descrizioni che suggeriscono che Olalla e la sua famiglia sono vampiri, l’autore aggiunge punti di vista di altri abitanti della città più vicina alla casa, quindi, per il lettore non è niente di strano La richiesta di Olalla al protagonista e la decisione che il protagonista prende finalmente.

Dopo aver letto Olalla di Stevenson, direi che è una piccola storia molto adatta per la lettura in autunno, anche in una fredda notte invernale dell’inverno, ma nonostante ciò, al di là della delizia della piccola edizione raggiunta dai Petits Plaers di Vienna, questa storia Non soddisferà i grandi amanti del genere horror basato sul vampirismo, poiché la storia stessa non raggiunge la tensione e l’intensità attese in questo tipo di storie. Ad un certo punto hai un’atmosfera oscura, ma non abbastanza che la storia stessa, potrei essere catturato come lettore del genere. Forse potrebbe essere piacevole per i lettori che, non avendo letto molto su questo argomento, desiderano iniziare con una piccola nouvelle, quindi lo consiglierei, ma per i lettori che hanno letto molto sul vampirismo prima o più romanzi horror, Olalla non li consiglierebbe , perché lo saprei a poco a poco, ma non per la brevità della storia, ma per la mancanza di quell’intensità in termini di mistero e orrore che ho indicato in precedenza.

Robert L. Stevenson (Edimburgo, 1850 – Samoa, 1894) ha viaggiato in tutto il mondo alla ricerca di un clima che lo avrebbe aiutato ad affrontare la sua tubercolosi. Alla fine si stabilì a Samoa, insieme a sua moglie Fanny Osbourne. Stevenson è l’autore di altre opere riconosciute come classici della letteratura come Treasure Island o The Strange Case del Dr. Jekyll e Mr. Hyde.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.