cristina redondo escritora novedades literarias

Proprie stanze senza tetto in vetro

“A woman must have money and a room of her own if she is to write fiction.”
― Virginia Woolf, A Room of One’s Own

Dal 2016, il lunedì successivo al 15 ottobre (onomastica di Santa Teresa) si celebra in Spagna nel Giorno delle Scrittrice. Quest’anno il 15 ottobre coincide lunedì, quindi viene celebrato lo stesso giorno. Questa iniziativa è stata avviata dalla Biblioteca Nazionale di Spagna, dall’Associazione Classica e Moderna e dalla Federazione Spagnola di Direttori, Dirigenti, Professionisti e Imprenditrici (FEDEPE) per compensare la discriminazione storica delle donne nella letteratura.

Dopo aver chiacchierato con diversi amici donne che lavorano in posizioni di responsabilità in diversi settori, noto diverse situazioni negative, curiosamente, sempre tossiche per il ruolo delle donne sul posto di lavoro. La situazione principale da evidenziare è che la presenza di donne in posizioni di notorietà è ancora un modo per superare pieni di buche e impedimenti pieni di paternalismi da distruggere.

Il soffitto di vetro continua ad esistere con più durezza che mai. Anche, sfortunatamente, tra le donne stesse sono commenti distruttivi ed esclusivi per le donne, di natura maschilista rispetto ad altri partner dello stesso sesso. Siamo veramente consapevoli degli sforzi che le donne fanno per essere riconosciuti sul posto di lavoro? O è davvero la situazione che ci spaventa perché i nostri partner donne possano rompere quel soffitto di vetro ed essere riconosciuti per lo sforzo e la qualità professionale? Penso che sarebbe una gioia per molti e molti che potremmo veramente rompere una volta per tutte quel dannato soffitto soffocante di cristallo maschile.

Per secoli, anche in letteratura, il ruolo delle donne come scrittrice è stato un tabù, al punto che molti autori letterari sono stati costretti a firmare i loro testi con pseudonimo maschile, per esempio, quando Charlotte Brontë Jane Eyre pubblico nel 1847, fu costretta a firmare con lo pseudonimo maschile di Currer Bell.

Quella situazione non si verifica più” alcuni penseranno, ma ciò che è vero e difficile da credere è che accade ancora oggi. J.K. Rowling (nota autrice britannica di Harry Potter) fu costretta a cambiare il nome con cui inizialmente inviò i suoi manoscritti agli editori: Joanne Rowling. Dopo il suggerimento dei suoi editori è successo a firmare come J.K. Rowling, con l’idea che le sue iniziali fossero legate a uno scrittore e non a una scrittrice, e quindi in grado di avere un maggiore successo commerciale. Situazione sessista e totale sottovalutazione del talento femminile, non c’è dubbio.

Succede solo fuori e molto lontano da qui” penseranno gli altri. È triste vedere come uno scrittrice come Caterina Albert i Paradís abbia dovuto firmare con il nome di Victor Català in modo che il suo lavoro potesse smettere di essere attaccato perché era stato scritto da una donna. In Solitud, una delle sue opere più note e firmata con lo pseudonimo di Victor Català, la scrittrice descrive la lotta di un personaggio femminile nel loro ambiente sociale.

Quest’anno ho letto Virginia Woolf, ho scoperto “Una stanza tutta per sé” in un’attenta edizione de La Temeraria Editorial, e in realtà la scrittrice condivide riflessioni con le quali sono d’accordo in molte occasioni. Voglio dire che mi è piaciuto molto leggere Virginia Woolf, è un’autrice che difende molte tesi innovative nel suo tempo e che, ancora oggi, sono condivise in ambienti di grande conoscenza intellettuale.

Dopo la mia scoperta personale del lavoro di Virginia Woolf, consiglio di leggere “Una stanza tutta per sé” perché penso che sia un libro di grande valore letterario e con un buon discorso sul ruolo delle donne nella società, tra le altre cose. Per me, è uno di quei libri da tenere nella nostra biblioteca personale per darci il piacere di rileggere ogni tanto. Virginia Woolf era uno scrittrice che apparteneva al Circolo di Bloomsbury, dove ha strofinata le spalle con altri artisti di Londra dal momento, e le cui opinioni e le creazioni artistiche influenzato la letteratura del tempo, lo sviluppo di diversi punti di vista esistenti prima, soprattutto in argomenti come il femminismo o la sessualità.

Prenderò una sentenza definitiva come una riflessione in occasione della Giornata delle scrittrice che celebriamo oggi, una lettera scritta da Virginia Woolf in “Una stanza tutta per sé” che dice “Mi permetto di supporre che Anonymus, che ha scritto tante poesie senza firmare frase loro, era spesso una donna. ” Anche secoli dopo, come era giusta Virginia Woolf! Giusto?

Colonna giornalistica pubblicata nella rubrica di Cristina Redondo: Il dolce far niente, sezione Tribuna del Diari di Sant Quirze il  15/10/2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.