escriptors catalans vius novela negra española penguim random house

Vergogna degli altri

Sento la vergogna degli altri. Che nel 2017 chiediamo giustizia ed equità sociale per le donne. Imbarazzo sociale. Che una ragazza essere violentata in San Fermines e poi cercare di accusarla di autorizzare stupri multipli. Vergogna da parte di qualcun altro per assumere un detective per dimostrare che la ragazza era felice e verso una vita normale dopo lo stupro, e quello che è peggio, per giustificare il suo stupro e aggredire i suoi diritti come persona. Anche noi siamo responsabili ed equi. Prendiamo un sacco di baci ragazza messi a sorte in un bar. Lasciamo che le donne muoiano nelle mani dei mariti. Se una donna si lamenta di tutto questo, dovrebbe essere bollata come un insulto dalle parole:”femminista””lesbica””amara” o anche “stronza”. Non c’ è nulla di sbagliato nell’ essere femminista. Non c’ è nulla di sbagliato nell’ essere lesbica. Non c’ è nulla di sbagliato nell’ essere un amaro, ebbene sì… che la società ti fa sentire peggio per vivere quello che vivi, o essere quello che sei. Magari non c’ è nulla di sbagliato nell’ essere una stronza, soprattutto se sei intelligente… ma naturalmente se sei una donna, questo sta dimostrando che sei intelligente… meglio, pensiamo così? Non è giusto? Cerchiamo di essere consapevoli di tutto, per favore.
Sento la vergogna degli altri. Che il termine “violenza di genere” esiste come se appartenesse a un genere o all’ altro e che sia minore o maggiore. Discriminazione positiva o negativa? La violenza è sempre violenza. Non dimentichiamolo. Non è diverso dal bullismo di una ragazza rispetto a un ragazzo. Non è diverso dal mobbing di una donna da un uomo. Che entrambi, perché sono persone e non uomini o donne, subiscono le conseguenze psicologiche e fisiche della violenza di questi atti.
Sento la vergogna degli altri. 1 su 4 giovani considera la violenza da partner nelle relazioni di intimità come un fenomeno comune. Dove siamo arrivati? Il nostro grado di aggressività, odio, vanità, invidia, denigrazione sociale è tale da farci accettare come cosa abituale qualcosa di doloroso e ingiusto come violenza? Imbarcare.
Mi vergogno che a questo punto del film siamo scesi così in basso che alcuni di noi hanno addirittura perso la sceneggiatura e pensano solo a queste situazioni in un certo giorno dell’ anno. Non dimentichiamoci che questi atti di denigrazione e violenza avvengono ogni giorno. Nessuno se ne va via. Che nostro figlio possa soffrire di bullismo. Che noi stessi possiamo essere vittime del mobbing. E che il nostro amico può subire violenza di genere.
Vergogna sugli altri. Lasciamo che tutto vada avanti. Facciamo in modo che tutto questo si ripeta in mille e un posto. In migliaia di momenti. E ancora, dobbiamo difenderlo socialmente affinché non accada o peggio: per non dimenticare che tutto questo esiste ed è reale.
Mi vergogno di tutto questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.