Il prima e il dopo Clandestina

Con l’uscita di “Clandestina“, lo trovo quasi impossibile avere un momento di scrivere con calma, ma sempre mi prendere qualsiasi caffè inaspettata per la cattura di penna e blocco note, o per annotare le idee, che mi auguro possa materializzarsi e sviluppare, quindi, calma ciò richiede la creazione letteraria, quella calma che tutti gli scrittori hanno bisogno di scrivere testi migliori.
Ora ricordo che dopo una vita scrivendo poesie, storie e articoli professionali, ho iniziato a scrivere quello che sarebbe stato il mio primo romanzo nero “Clandestina” con un “E perché no?”. Era il 2011.
Ed è così che ho iniziato a scrivere, per la prima volta e senza accorgermene, un romanzo. Inizialmente la storia sarebbe stata una storia di investigatori privati, ma mentre scrivevo mi sono reso conto che molte delle cose che stavo scrivendo contenevano molte licenze letterarie e non volevo che il settore  della investigazione privata fosse influenzato. Il gruppo di investigatori privati ​​mi hanno sempre accolto a braccia aperte e non vorrei danneggiare il settore con la mia creatività. Ecco perché ho trasformato i miei personaggi in qualcosa di più sconosciuto: spie. È un mondo molto più distante per la maggioranza e, quindi, mi ha permesso un gioco creativo più grande.
Come donna ero eccitata che i miei protagonisti fossero anche donne, almeno in quello che sembrava prendere la forma di essere un romanzo. Ecco perché ho creato quell’universo femminile. Tutte donne forti, che combattono contro le avversità. Da un lato ho creato Irina Pavlova, una ragazza di età indefinita, né giovane né troppo vecchio, cercando di superare la tragica perdita della sua famiglia attraverso la sete di vendetta, e involontariamente scoperto il resto come un carattere psicopatico, freddo e intelligente D’altra parte, c’è Ingrid, la sua amica, che cerca, tenacemente, di non ricorrere agli stessi errori del passato, e alla fine, cresce superando quegli errori. Poi troviamo Marta, una donna che deve assumere un background professionale in modo che suo marito possa ottenere la leadership nella sua proiezione professionale, mentre lei si prende cura di suo figlio. Ho voluto aggiungere di più, donna adulta nella fase finale della vita, che alla morte improvvisa del marito, sentendosi improvvisamente il peso della solitudine sulle loro spalle, ma non solitudine ha lasciato per vivere in vedovanza, ma della solitudine che già viveva durante il suo matrimonio. In questo universo femminile, credo anche a Lea, una donna matura, forte professionalmente ma che ha dovuto rinunciare alla sua maternità in cambio del suo successo professionale.
Sono tutti profili che troviamo facilmente anche nella società di oggi. Per quanto si sforzi per non rendere evidenti quei fallimenti sociali, in cui le donne possono perdere, continuano ancora e anche in qualsiasi paese del mondo, e ho voluto renderli ancora più visibili nel mio romanzo.
D’altra parte, volevo anche parlare dell’ansia e della vanità del potere e delle strategie che i giochi di potere provocano nei destini delle persone e dei governi. Per descrivere questi momenti, mi sono ispirato a tutte le notizie politiche ed economiche dei media, non solo nazionali ma anche internazionali. Questi giochi di potere che descrivo nel mio romanzo possono verificarsi in qualsiasi paese del mondo, non solo nei governi europei. Ecco perché ho pensato che fosse conveniente e interessante presentarli al mio romanzo, come se stessero accadendo in una città a me vicina come Barcellona.
Le location dei viaggi sono un po ‘date anche dalla mia passione per i viaggi, e perché, in alcuni momenti, la storia lo richiedeva. Da un lato mi sono divertito a creare un International Intelligence Center all’interno di un hotel di lusso nel centro di Venezia. Venezia è una città che adoro, e volevo anche che fosse presente nel romanzo. D’altra parte, Barcellona è il centro nevralgico del potere, e mostra come nei luoghi più inaspettati di Barcellona si potrebbero chiudere grandi imprese che colpiscono l’intera popolazione, senza che a malapena la percepisca. Amsterdam come un abitante della città della città, e moderna, dove alcuni “amici” cyber-investigatori a risolvere il problema e quindi Bruxelles come la capitale della politica, in cui la vanità politico dovrebbe essere sradicato, in modo che suoni “Sweet Dream” di versione di Marilyn Manson durante questo tempo del romanzo, perché è come un dolce sogno che tutti noi vogliamo. Questa canzone, devo dire, che mi ha accompagnato ossessivamente durante la stesura del romanzo, in un ciclo, mi ha aiutato a concentrarmi e non ho potuto smettere di ascoltarlo mentre scrivevo “Clandestina” ( nell social media : #Clandestina_CR).
Il dolore è qualcosa presente nell’intera trama del romanzo. Sentiamo il dolore di Irina per la sua disgrazia famiglia, sentiamo il dolore di Ingrid evitare di cadere negli stessi errori del passato, il dolore Marta per i loro problemi coniugali, il dolore Marc by innamorarsi di chi non dovrebbe … Il dolore è in ultima analisi, uno dei temi centrali del romanzo, e, a mio punto di vista, si rende molto più intenso e coinvolgente la storia lettore.
Clandestina è stato il primo romanzo nero che ho scritto una breve ma intensa storia di suspense, con diverse trame parallele piene di dinamismo e di eccitazione, con descrizioni letterarie, ma anche scene molto cinematografico licenze letterarie.
C’è una seconda parte di Clandestina dove sto lavorando per un anno, più o meno legato al mondo dell’arte, la musica classica e la bellezza, che, per vari motivi, non so quando finirò fa. Uno dei motivi principali è che voglio è scritto bene, i miei lettori, se lo meritano, quindi mi prendo il mio tempo. Pianifico anche una terza parte di Clandestina, che so già come guidarla. Io non so come nessuno di loro si chiama, Sto valutando varie opzioni, attualmente finta solo per divertirsi loro scrittura e fare un buon lavoro di scrittore.
Allo stesso tempo, mi sento un forte impulso di scrivere una storia molto scuro che non ha nulla a che fare con Clandestina, ma con il mondo dello sport, e attualmente sto strutturando e facendo alcune note su di esso, anche io ho un po ‘all’inizio del romanzo già scritto.
Onestamente, la mia mente è piena di cornici nere per narrare, ma voglio fare bene, con calma e con premeditazione che conosce è solo l’inizio della strada e ha ancora molto per raggiungere la destinazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.