Irene Solà. EU Premio Letteratura Spagna 2020

Irene Solà Sáez (Malla, 1990) autrice di “Io canto e la montagna balla” pubblicato da Editorial Anagrama per l’Spagna e tradotta all’italiano e pubblicata da Blackie Edizioni , inizialmente premiata con il IV Premio Llibros Anagrama de Novela 2019, è anche il Premio di letteratura dell’Unione europea per la Spagna 2020, essendo la prima scrittrice catalana ad ottenerlo.

Nonostante la promozione del suo pluripremiato “Io canto e la montagna balla” (Editoriale Anagrama, Blackie Edizioni ) sia molto intensa, Irene Solà continua a coccolare i suoi diversi aspetti artistici. È così che è conosciuta come una persona intelligente e dinamica, che la troviamo anche partecipante a festival di poesia, in coerenza con il suo aspetto di poeta, poiché possiamo anche ammirare il suo lavoro di artista in una qualsiasi delle diverse mostre d’arte che ha fatto fino a ora, o al CCCB di Barcellona, o alla Whitechapel Gallery o al Jerwood Arts Centre di Londra, per citarne solo alcuni.

Attualmente, infatti, possiamo visitare la mostra “C’è una donna che …” che Irene Solà espone fino al prossimo 12 agosto 2020 alla Galleria Àngels di Barcellona (Carrer del Pintor Fortuny, 27) e il cui tema principale è legato ad alcuni temi trattato in “Io canto e la montagna balla” (Editoriale Anagrama, Blackie Edizioni ). In questa mostra, Irene Solà riflette su una leggenda delle streghe che l’autore ha trovato ripetuta in diverse culture durante le sue ricerche.

Questi diversi aspetti artistici non sono altro che un ampio campione che Irene Solà è una professionista dell’arte con un grande talento creativo: laureata in Belle Arti all’Università di Barcellona e Master in Letteratura, Cinema e Cultura Visiva all’Università del Sussex.

Nel suo secondo romanzo “Io canto e la montagna balla” (Editoriale Anagrama, Blackie Edizioni ) è chiaro, ancora una volta, che siamo davanti a una scrittrice che vale la pena scoprire per il suo modo di reinterpretare la realtà, in questo caso, attraverso la sua visione particolare della vita di montagna. Per questo l’abbiamo incontrata in videoconferenza, a causa della pandemia di Covid19, e con l’intento di avvicinarci alla scrittrice, conoscere maggiori dettagli sulla sua carriera, oltre che sul suo pluripremiato romanzo.

CR: Irene, in “Io canto e la montagna balla” (Editoriale Anagrama, Blackie Edizioni ) ci racconti la storia di diversi personaggi basati su leggende e storie popolari con radici nei Pirenei catalani e nei Pre-Pirenei, e che, parallelamente, è molto probabile che troviamo anche in altre culture europee.Che cosa ha attirato di più la tua attenzione sulle tradizioni culturali e le leggende situate nei Pirenei e nei Pre-Pirenei per ispirarti a scrivere queste storie intrecciate?

IS: Il mio interesse per le leggende, il folklore, la cultura popolare e la narrativa orale risale a molto tempo fa, e penso che in qualche modo sia presente e faccia parte del principio e del nucleo di questo libro. In questo libro, ero molto interessato a guardare un pezzo di mondo e cercare di guardarlo da quante più prospettive possibili, e immaginare tutto quello che era successo lassù, tutti i segni, tutte le battute, tutte le storie, gli aneddoti che aveva avuto luogo nello stesso luogo e, tra tutti questi strati, ero anche molto interessato allo strato magico, lo strato mitologico, lo strato folcloristico, l’immaginazione, le storie che sono state spiegate lì. , che furono inventati, che furono immaginati e che furono raccontati in relazione a quel territorio. E qui nasce il mio interesse per queste leggende e queste storie, che secondo me sono anche un’ottima fonte di conoscenza, un luogo molto interessante da ricercare come abbiamo immaginato o come abbiamo raccontato, come abbiamo mitologicamente costruito le nostre storie in relazione al paesaggio in cui viviamo.

CR: L’uso delle diverse voci narrative nel tuo romanzo è qualcosa che ha catturato la mia attenzione per la sua particolarità creativa, ma allo stesso tempo penso che sia narrato in modo sorprendente perché sono voci narrative “insolite” e diverse dalle che i lettori potrebbero aspettarsi, e questo è qualcosa che dona creatività e freschezza al testo perché hai scelto di utilizzare le diverse voci narrative dei tuoi personaggi in ciascuna delle storie che compongono questo libro? E in relazione a questo, perché le voci di quei personaggi in particolare?

IS: Come dicevo, la voglia di guardare il mondo da tanti punti di vista, da tante voci, da quante più prospettive possibili, è uno dei pilastri di questo romanzo. Il primo capitolo che ho scritto è stato il primo, il capitolo sulle nuvole. Gli era chiaro che c’era qualcuno che sarebbe morto colpito da un fulmine e voleva raccontare quella scena da un angolo basso, dall’alto, dalla prospettiva delle nuvole. L’ho provato, l’ho scritto e mi sono divertito così tanto, che ho deciso di concedermi il permesso di continuare a provare, di continuare a suonare, di entrare ovunque, in tutti i posti dove potevo arrivare, di parlare letterario, ed è così che ho trovato e testando le altre voci. In un modo molto organico, ho capito le esigenze del romanzo, quello che voleva raccontare e mi sono messo dove avevo bisogno per poterlo fare.

CR: Streghe, donne dell’acqua, orsi, donne perseguitate per essere considerate streghe, contadini, funghi, capre e persino placche tettoniche danzano al ritmo di una narrazione piena di poesia, Irene. Quale delle voci narrative è stata per te la più difficile da proiettare letteralmente? E quale è più facile?

IS: A dire il vero, non ho la sensazione che ci siano voci più facili o più difficili delle altre. La verità è che la maggior parte di loro è uscita in modo molto fluido e molto divertente, li ho presi un po ‘come un gioco, interpretando il gioco come qualcosa di molto serio, ma allo stesso tempo, molto divertente e molto audace, da provare, essere irriverente a volte, tuffarsi in acqua e nuotare, e vedere cosa è successo. Se è vero che ci sono alcune di queste voci che necessitavano di molta più documentazione di altre, per esempio non sapevo molto neanche di capriolo, ho dovuto fare molte ricerche, non sapevo molto sulla formazione delle nuvole, oppure dovevo anche farlo imparare molto sui processi giudiziari per la stregoneria, o leggere molto sulla guerra civile e il passaggio dei repubblicani in quest’area, o sulla formazione delle montagne. Quindi c’erano alcune voci che hanno richiesto molto di questo lavoro, ma, in realtà, è un lavoro che mi appassiona, il fatto di ricercare, fare domande, leggere molto e una volta che ho costruito un pozzo di conoscenza, intorno al argomento che volevo discutere, una volta che ho avuto tutto questo pozzo pieno di “acqua”, che è questa conoscenza, beh mi sono buttato.

CR: Quale di quelle voci sceglieresti di sviluppare in un progetto più ampio? Perché?

IS: Non so quale sarebbe rimasto da sviluppare in un progetto più ampio, penso che ce ne siano alcuni che darei per realizzare un progetto come questo, penso che ce ne siano altri che forse no, ma non ho pensato a quali mi sarei immerso e con cui stare. In realtà, l’idea del romanzo era di entrare in tutti loro per un po ‘, ma non per lasciare che una sola voce raccontasse l’intera storia, ma che la storia fosse costruita da molti luoghi diversi, per rendersi conto e rendersi conto anche che ognuno vede il mondo comprende il mondo, sente il mondo ed è quindi in grado di spiegare il mondo in modo diverso. Quindi l’idea del romanzo era proprio questo corallo.

CR: Gli scrittori, scriviamo principalmente per piacere letterario, per vocazione e perché ci piace il processo, ma per voi qual è stato il più divertente di scrivere questo romanzo? Come dici tu, hai svolto un grande processo di ricerca prima della stesura di questo libro, com’è stato questo processo? Ti è piaciuta di più la ricerca o il processo creativo? Raccontaci, per favore, come ti sei sentita e come hai vissuto il processo di creazione letteraria come autrice.

IS: Non separo molto il processo di ricerca dal processo creativo o di scrittura, al contrario, per me avvengono contemporaneamente. Cerco, chiedo, indago, sto leggendo, vado in tutti i posti dove devo andare, metaforicamente e non, per poter scrivere il romanzo, ma allo stesso tempo scrivo il romanzo, e più scrivo, più percorsi di ricerca e le possibilità sono aperte per me, e poi le prendo e poi continuo a scrivere, e, un po ‘, do loro un feedback come questo. Per me, la parte più divertente dell’atto creativo di scrivere il libro è avere idee, aprire porte e possibilità, è provarlo, è giocare, è divertirti, è investigare ed è usare tutto ciò che stai imparando, tutto ciò che sei , poi giocando, per costruire una storia e riempirla di idee e pensieri.

CR: Nella storia compaiono, come si dice, donne perseguitate per essere considerate streghe, tu ci racconti di donne che si tenevano in costante contatto con la natura. Dopo tutte le indagini svolte al riguardo, cosa ha attirato di più la tua attenzione di tutte quelle leggende sulle donne che erano sagge e perseguitate dalla società per averle considerate streghe?

IS: Ciò che ha attirato la mia attenzione e che più mi ha interessato è il fatto appunto che non sono leggende, o che le leggende o le storie di streghe si basano su eventi storici accaduti e che erano molto bestie e terribili. Per me è stato molto interessante lavorare con tutti i documenti storici reali, che sono stati scritti intorno a questi processi, e leggere tutti questi documenti, e riflettere sulla voce e sulla paternità, e sul fatto che questi documenti che ci sono giunti con le sentenze scritte, in cui vengono dati i nomi di queste donne e ciò che presumibilmente hanno detto di aver fatto, ecc., sono state scritte dagli stessi uomini che le hanno catturate, torturate e successivamente uccise, e che, Pertanto, la storia di queste donne è arrivata a noi attraverso la scrittura di questi signori, e questa idea è stata un’idea che mi ha interessato molto quando ho pensato e scritto questo libro. Precisamente, quello che cerco di fare nel capitolo delle streghe è dare loro una voce, o lasciare che raccontino la propria storia.

CR: Il titolo “Io canto e la montagna balla” nel libro deriva da una poesia di uno dei personaggi che, come te, è un poeta, ma tu, come scrittrice, come ti senti più a tuo agio a scrivere racconti o poesie? Perché?

IS: Non è tanto che mi sento più a mio agio in un formato o in un altro, ma piuttosto è il progetto, un po ‘, che mi chiede il formato. Il romanzo mi interessa molto, perché mi sembra un formato molto elastico, un formato all’interno del quale mi si inserisce molta ricerca, molte cose mi stanno e che mi dà molta libertà di giocare. Ma penso che vedrò l’uscita dei progetti e che voglio indagare e riflettere su idee diverse, perché quale forma stanno prendendo questi progetti e, in realtà, ad esempio, nel capitolo di Hilari, che è il capitolo di un personaggio che scrive poesie, è stato un capitolo esageratamente divertente da scrivere. Dico sempre che le poesie di Hilari non sono le mie. Non avrei mai scritto quelle poesie, proprio come le opinioni di Hilari sulla poesia, non sono le mie opinioni sulla poesia, ma è stato molto divertente invadere la sua voce, invadere il suo sguardo e scrivere da quel personaggio.

CR: Sei una donna, sei una professionista con un alto livello di preparazione, e hai talento, quel mix può essere scomodo per certe persone a cui mancano le tue stesse caratteristiche Ti sei mai trovato spiazzata o a disagio per il fatto di essere una donna preparata, riconosciuta e di talento nel mercato editoriale?

IS: La verità è che io, da quando ho prove nel mercato editoriale, non mi sono sentito spiazzata o a disagio. Sì, mi sono trovata come tutti gli altri, in alcune situazioni, perché magari con certi accenni di paternalismo, o situazioni in cui, soprattutto a livello di discorsi pubblici che vanno in onda su Internet, beh ho trovato commenti direttamente sessisti, da alcune delle persone che stavano guardando il discorso o leggendo che stavamo facendo da casa loro. Un po ‘queste sono le cose che ho notato, o che ho notato, il che non significa che non ci siano o siano state altre donne che hanno incontrato cose ben peggiori, perché sono certa che sia così.

CR: Gli scrittori siamo anchè grandi lettori, quali autori pensi ti abbiano influenzato di più nel tuo lavoro finora? E perché? Quale lavoro ci consiglieresti di leggere di questi autori? Perché?

IS: Ci sono molti autori che mi hanno influenzato, l’elenco è molto lungo, dirò solo pochi nomi. Inizierò con Mercé Rodoreda, di cui penso che forse sarebbe una buona idea iniziare a leggere “Morte e primavera”, parlerò anche di Victor Català e della sua opera “Solitude”, ma parlerò anche di leggere Halldor Laxness e del suo lavoro “Persone indipendenti”. Sono stati molto importanti anche per me, ad esempio: Faulkner e Virginia Woolf, ma anche Salinger, anche Gabriel García Márquez, anche Toni Morrison, anche Dave Eggers e come vi ho detto l’elenco sarebbe molto lungo. Anche alcuni poeti, come Enric Casasses, Penny Goring o Maria Cabrera.

CR: Finora hai pubblicato tre libri e i tre vincitori (il libro di poesie Bèstia (Galerada, 2012) premiato con Amadeu Oller 2012, il romanzo Els dics (L’Altra Editorial, 2027) premiato con Documenta 2017 e “Io canto e la montagna balla” (Editoriale Anagrama 2019, Blackie Edizioni 2020 ) IV Premio Llibres Anagrama de Novel·la), oltre al Premio dell’Unione Europea per la Letteratura per la Spagna per quest’anno 2020 che è stato annunciato poche settimane fa, e per il quale ci congratuliamo con te. Dopo essere stata premiata così tante volte e con così tanto successo nelle tue pubblicazioni, pensi che sia fattibile guadagnarsi da vivere con la letteratura?

IS: Non so ancora se possa essere fattibile guadagnarsi da vivere con la letteratura, vorrei che fosse così. Penso che si dovrebbe essere in grado di vivere di letteratura e si dovrebbe essere in grado di vivere di arte contemporanea, o musica, se lo si vuole, e in realtà mixo o lavoro su progetti che fanno parte sia della letteratura che dell’arte. contemporanea, e spero di poter continuare a dedicare più tempo possibile a questo tipo di progetti.

CR: Sei la prima auttrice catalana ad aver ricevuto il Premio UE per la letteratura 2020. Cosa significa per te questo premio? Pensi che ti aiuterà a consolidare la tua letteratura anche in altri paesi?

IS: Per me questo premio significa una grande felicità, un grande onore. Significa anchè la ratifica che ha tutto il senso del mondo scrivere in catalano. È qualcosa che gli scrittori che scrivono in catalano, lo sappiamo già, ma che a volte ti rendi conto che non tutti lo capiscono, o che in contesti internazionali o spagnoli ti viene chiesto “Com’è che scrivi in ​​catalano e non in inglese o in spagnolo? ” E questo premio conferma che tutti devono scrivere nella lingua che vogliono, la propria o quella che scelgono, e che in catalano si può fare la stessa buona letteratura come in qualsiasi altra lingua. Mi piacerebbe moltissimo e sarei molto felice se questo premio aiutasse il libro a viaggiare, a entrare o conoscere altre lingue, altre letterature, altri contesti.

CR: Una domanda quasi obbligata, non solo per il piacere di leggerti ma perché sono sicura che, come me, molti lettori vorranno rileggerti a breve, quindi stai lavorando ad un progetto che ci può anticipare qualcosa?

IS: Sì, sto lavorando a un nuovo progetto, ma non posso ancora portare avanti nulla. Ho bisogno di continuare a lavorarci e che sia un po ‘più preparato per iniziare a parlare del progetto.

CR; Grazie mille per la tua gentilezza, sempre, e per il tuo talento artistico e letterario, Irene Solà. Goditi moltissimo il Premio dell’Unione europea per la letteratura che ti è stato assegnato di recente e che sei stato la prima scrittrice catalana a ricevere, e per favore, non tardare a deliziarci di nuovo con la tua buona letteratura. Grazie!

* Intervista condotta da Cristina Redondo e pubblicata nella sezione #InLiterature della rivista di cultura, arte e tendenze The Citizen 09/05/2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.