Ispirazione divina

Saranno trascorsi tre anni da quando ho pubblicato Clandestina, gialli di spionaggio considerato uno dei “Los 20 libros feministas que no te puedes perder” ( 20 libri femministi da non perdere) da  Marie Claire Magazine,anno della sua pubblicazione (2019). Clandestina, il mio primo libro, nel suo anno di pubblicazione è stato consigliato da  Forbes Magazine, Harper’s Bazaar, La Vanguardia, Catalunya Radio, La Ser e molti altri media. Non ci crederai, ma ci sono ancora persone che mi chiedono dove possono comprare Clandestina. È allora che gli ricordo che i libri si comprano in libreria, nel caso ne fossi dimenticato. In più ho anche i link di acquisto ben specificati nelle biografie dei miei social (che non sono pochi), anche il libro ha il suo hashtag: #Clandestina_CR, ed è acquistabile anche su questo stesso sito,  il mio sito ufficiale . Più facile impossibile, giusto? Bene, questa è la domanda ricorrente “Dove posso acquistare il tuo libro?” Ebbene, l’interesse è gradito, ma il mio libro è in tutte le librerie, basta avvicinarsi ad uno, e prenderlo dagli scaffali, e se non c’è, come tanti altri libri che sicuramente non sono disponibili in libreria , sono sicura che lo è, lo chiedi, in libreria te lo prenderanno in pochi giorni, molto gentilmente.
Scrivere è un lavoro più intenso di quanto molti credano, in questi tre anni ho lavorato molto affinché il mio libro Clandestina diventasse noto tra i lettori. Sono stati anni duri ma anche molto grati, non ci illuderemo. Sono soddisfatta di tutto quello che ho fatto, ma soprattutto di tutto quello che ho imparato con la pubblicazione di Clandestina.

I giorni di promozione sono stati particolarmente emozionanti, come il giorno della presentazione ufficiale del libro, oi giorni di Sant Jordi e gli firme libri, o anche gli incontri letterari, di contatto più diretto con i lettori. È molto confortante vedere come i lettori siano interessati a sapere quando avrai il prossimo libro, quei lettori che ti chiedono di leggere il tuo prossimo libro “ora” perché si sono divertiti molto a leggere Clandestina. Grazie, grazie mille, mi piace avere lettori così grati.
Anche se altre volte è anche molto demotivante perché c’è ancora chi crede che scrivere un libro significhi sedersi e iniziare a scrivere per “ispirazione divina”. Ebbene no, mi dispiace molto, scrivere un libro non è questione di “ispirazione divina”. Scrivere un libro non è un processo rapido, ma un processo molto ponderato e calmo, una cura scrupolosa, un lungo periodo di lavoro intenso e difficile. Non scrivi un libro per magia, né scrivi un libro da un giorno all’altro. No, quelle cose non esistono nella vita quotidiana. Nonostante ciò che appare sulle serie televisive, sulla moda o su ciò che molti influencer istantanei potrebbero farti credere. Scrivo molto da molto tempo e leggo molto, anche molto prima di pubblicare Clandestina. Molti anni prima di pubblicare il mio primo libro, stavo già scrivendo. Ricordo che avevo un blog con tante visite giornaliere, che già allora riceveva visite di lettori da ogni parte del mondo. Parlo di quando ancora non esistevano i social network e nascevano i blog, tanti anni fa. È stato più tardi, molto più tardi, che ho iniziato a pubblicare e ho deciso di lanciare Clandestina sul mercato. In effetti, quando hai passato così tanto tempo a migliorare la tua scrittura, cercando sempre di migliorare te stesso e di scrivere meglio ogni giorno, è offensivo sentire quelle parole di “Sei sempre ispirata, sei molto creativa”. Mi scusi, ma scrivere non versa di “ispirazione divina” come alcuni credono, ma di formazione continua e di lavoro costante e intenso.
E continuo a lavorare con la stessa costanza e intensità. Dopo aver pubblicato il mio primo gialli Clandestina, sono state valutate molte idee per pubblicare il mio prossimo romanzo. In effetti, ne ho alcune semielaborate, in attesa nel mio cassetto delle idee che quel tocco finale venga alla luce. Alcuni usciranno più tardi (ne sono molto sicura) ma altri potrebbero essere in attesa. Tempo, motivazione ed esperienza decideranno cosa fare con ciascuna di queste idee. Ma una cosa alla volta.
Nel caso del libro che sto scrivendo ora, ho apprezzato alcune storie alternative, ma alla fine ho optato per quella che ho scelto perché volevo davvero scrivere quella storia. È anche vero che dovevo leggere e approfondire, su argomenti che ho ritenuto fondamentali per imparare a scrivere bene la storia, quindi, siccome era anche quello che volevo fare, mi sono immerso completamente nella ricerca precedente. Durante il tour porto con me la crescita professionale che questo percorso precedente mi ha dato. Tutto questo mi ha permesso di migliorare l’idea iniziale del manoscritto, anche se a dirla tutta, come scrittore non smetto mai di ricercare ciò che scrivo, e continuo a ricercare parallelamente alla scrittura dell’opera. Voglio sempre continuare a imparare e crescere con il romanzo. Anche quando ho iniziato a lavorare su questa storia, non aveva una bozza di una pagina o due, aveva tante pagine quante ne poteva avere un comune romanzo, ma volevo migliorarla in ogni modo. In effetti, ho modificato così tanti fattori che non assomiglia più a quello scritto a iniziale. Tuttavia, dopo tutto questo tempo, ho ancora del lavoro da fare, ma è molto confortante vedere come tante ore investite nel romanzo inizino a ripagare nella forma, nello stile narrativo, nei personaggi, nel tempo… Tutto quanto. Onestamente, mi sto davvero godendo l’intero processo di creazione, ma dammi il tempo, il tempo di cui ho bisogno e ti parlerò di quest’altro libro adeguatamente quando sarà il momento. Non affrettiamoci. Al momento, sto ancora scrivendo e lavorando al mio prossimo romanzo e, tra l’altro, senza nessuna di quelle che altri chiamano “ispirazione divina”. Grazie per continuare a leggermi e per continuare a consigliare Clandestina. Siete i migliori lettori che abbia mai sognato di avere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.